venerdì 9 aprile 2010

Violenza sessuale nel Catanzarese, confermata la condanna di un giovane

CATANZARO. La Corte d’appello di Catanzaro ha confermato ieri la condanna a due anni di reclusione inflitta ad Andrea Brescia, giovane di Botricello accusato di violenza sessuale. L’imputato, secondo le contestazioni formulate dalla Procura, il 2 novembre del 2004 era entrato nell’abitazione della vittima, a Botricello, e l’aveva brutalizzata, immobilizzata, terrorizzata. La donna non subì uno stupro vero e proprio per “cause indipendenti dalla volontà dell’imputato”, ma la legge non fa distinzione a seconda che il rapporto sia consumato o meno, e qualifica sempre e comunque come violenza sessuale ogni atto di costrizione che rientri in quella sfera. Così, il 14 febbraio del 2008 il Collegio di primo grado aveva accolto la richiesta del pubblico ministero - che però all’epoca aveva sollecitato una condanna a tre anni e mezzo -, dichiarando l’imputato (difeso dall’avvocato Gregorio Viscomi) colpevole con una pronuncia che, oggi, i giudici di secondo grado hanno ribadito.

http://www.giornaledicalabria.it/index.php?section=news&idNotizia=10233

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget