martedì 10 agosto 2010

Per tutte. Stop al femminicidio!


Per tutte quelle donne, figlie, sorelle, amiche, madri, nipoti, nonne, amanti della musica e delle passeggiate, del gelato alle more e del pesce al cartoccio, donne che ridevano e adesso stanno in una bara, donne che avevano una vita, persone che avrebbero potuto salvarsi se qualcuno non le avesse uccise prima con l’indifferenza e poi con le botte, i calci, le coltellate, torture, fuoco. Morte di paura e poi di dolore – forse di stupore. Stuprate prima da un uomo e poi dai commenti della gente, assassinate da un marito, fidanzato, compagno, conoscente, belva inferocita, ragazzino annoiato. Assassinate dalle famiglie dei carnefici che dovrebbero solo tacere e vergognarsi, dai commenti al bar, dai commenti su facebook, nei forum, nei blog, dai commenti sull’autobus. Ogni volta che qualcuno dice: “Però poteva stare più attenta” quella donna, una qualsiasi di quelle stuprate o uccise, ritorna in vita e viene ammazzata e violata un’altra volta.

Riempiamo i nostri balconi, le nostre finestre, di lenzuola macchiate di sangue, risemantizziamo quel rito barbaro che era l’esposizione del sangue della vergine, facciamoci sentire, perchè solo mettendo un freno alla cultura maschilista, misogina e violenta che paralizza il nostro paese può accendersi la speranza del cambiamento.

Quel cambiamento di cui abbiamo così grande necessità.

La violenza di genere è alla base di tutte le violenze, smantellata quella, le smantelleremo tutte.

L’iniziativa è partita dalla mailing list di Fas, adesso c’è un gruppo su facebook che la porta avanti qui.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget