domenica 21 giugno 2009

Minaccia ex moglie, arrestato 28enne

CICCIANO - Nuovo arresto per stalking nel Nolano. In manette un 28enne di Cicciano. Solo ieri agli arresti era finito un 37enne di San Gennaro Vesuviano che da tempo perseguitava una 19enne di Piazzolla, la quale alla fina si è convinta, dopo mesi di vessazioni e minacce, a denunciarlo. Stavolta si tratta di un uomo responsabile di atti persecutori nei confronti della sua ex moglie 26enne. L’uomo, che non si rassegnava alla fine del loro matrimonio, si è recato nell’appartamento della 26enne e l’avrebbe minacciata e aggredita. La donna soffriva, a causa di questa situazione, di un grave stato di ansia. L’arrestato è finito a Poggioreale.
di redazione cronaca 20/06/2009
Fonte:nolano

sabato 20 giugno 2009

Perseguita 19enne, arrestato

NOLA - Era follemente innamorato di lei, ma lei non lo voleva. Non è la trama di un romanzo rosa ma l’ennesimo caso di stalking. Il terzo nel Nolano. La vittima stavolta è una ragazza di 19 anni, che nella vita è impiegata. L’arrestato un 37enne di San Gennaro Vesuviano pazzo d’amore (di un concetto personalissimo di amore) che non ha esitato a trasformare l’oggetto dei suoi desideri in vittima della sua ossessione. Una ossessione durata mesi, fino a stamattina. Quando la ragazza finalmente si è decisa, grazie anche alla mediazione dei carabinieri di Nola, a denunciare chi le stava rendendo la vita un inferno. L’arresto del 37enne, dipendente di una macelleria di San Gennaro Vesuviano, è avvenuto dopo l’ultimo episodio di minacce. Lui l’ha vista passare, è uscito dal negozio, l’ha afferrata e bloccata chiedendole perché non lo volesse. L’ha minacciata ancora una volta. Una pattuglia del Radiomobile di Nola è accorsa su segnalazione della donna; i militari già conoscevano quella storia di amore respinto diventata violenta ossessione, ed avevano cercato di convincere la 19enne a denunciare. Lei aveva sempre cercato di risolvere la questione bonariamente. Eppure quella continua assillante presenza dell’innamorato non corrisposto aveva trasformato la sua vita in una quotidiana lotta contro stati di ansia così forti da indurla al vomito ed alla paura di tutto. Alla fine si è decisa a denunciare, ed i carabinieri hanno arrestato l’uomo per stalking, trasferendolo a Poggioreale. La 19enne è tornata alla vita tranquilla di una adolescente spensierata. La sua storia è quella purtroppo di tante altre ragazze, vittime di un amore che troppo spesso, per gli uomini, è sinonimo di mero possesso e prevaricazione. Con questa nuova legge, la sensibilità delle forze dell’ordine, ed il coraggio delle donne, ci si può liberare.
di bibi 19/06/2009

Fonte: nolano

Stalking, 22 casi in 6 mesi

NOLA - Stamani è stato firmato dal Questore di Napoli il 22° provvedimento di ammonimento preventivo previsto dal articolo 612 bis del codice penale per il reato di stalking, ovvero atti persecutori. Infatti la persona che si ritiene essere oggetto di molestie può esporre i fatti al Questore, avanzando richiesta di ammonimento nei confronti dell'autore delle molestie. Il Questore ammonisce il persecutore a non avere più una condotta ossessiva e vessatoria nei confronti della vittima. Fin’ora, il provvedimento a carattere preventivo, ha dato ottimi risultati, infatti solo in un caso sui 22 un “persecutore” ha continuato nel suo atteggiamento, venendo così denunciato all’A.G. Diversi casi di stalking si sono verificati nel Nolano, nella stessa Nola ed a Casalnuovo. A Nola è stato un 34enne a finire in manette per avere minacciato, perseguitato ed aggredito per mesi una 27enne di Cimitile, dalla quale pretendeva rapporti sessuali (l’uomo è stato fermato dai carabinieri 3 volte, l’ultima proprio con l’accusa di violenza sessuale). L’ultimo caso in ordine di tempo è l’arresto di Michele Giordano, 33enne napoletano e residente a Pompei, fermato per i reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale nonché minacce aggravate, violenza psicologica, percosse, lesioni, ingiurie e diffamazione. I poliziotti del commissariato di Castellammare di Stabia sono intervenuti in via Tommaso Milante dove una donna aveva chiamato la polizia in quanto l’uomo, già querelato dalla stessa poichè da tempo la minacciava, aggrediva, ingiuriava, diffamava e aveva nei suoi confronti atti persecutori sia di persona che per telefono, era all’esterno della sua abitazione pretendendo di entrare, tentando di sfondare la porta. All’arrivo dei poliziotti l’uomo, ha approfittando dell’apertura della porta per introdursi in casa e si è scagliato prima contro la donna e poi contro i poliziotti che con non poca difficoltà e dopo una breve colluttazione sono riusciti a bloccarlo ed ad arrestarlo. L’uomo sarà giudicato per direttissima domani mattina.
di redazione cronaca 16/06/2009

Fonte:nolano

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget