domenica 2 maggio 2010

In due tentano violenza sessuale e in 15 accerchiano la polizia

Malavita notturna in via Marsala:botte e minacce a una ragazza di 20 anni e resistenza a pubblico ufficiale

ROMA - I palpeggiamenti si sono trasformati in calci e pugni per una ragazza di 20 anni, ecuadoriana, portata fuori dalla discoteca da due giovani che volevano abusare di lei. L'intervento della Polizia al momento del trambusto è stato inizialmente bloccato da un branco di 15 persone, che ha tentato di salvare i due violentatori. Infine le forze dell'ordine sono riuscite a salvare la ragazza dallo stupro e arrestare tre persone. L'accusa è di favoreggiamento, resistenza violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Per i due responsabili della violenza alla ragazza e gli altri del branco sono in corso le indagini degli investigatori.

IL TENTATIVO DI STUPRO - Secondo la ricostruzione della Polizia, tutto è iniziato quando, nella discoteca, la giovane è stata avvicinata da due sudamericani, che prima l'hanno spinta in un angolo poi uno dei due ha estratto un coltello e l'ha minacciata di morte se non fosse uscita immediatamente dal locale per appartarsi con loro. La ragazza con una scusa ha tentato di uscire dalla discoteca ma i due giovani, dopo averla raggiunta all'esterno, hanno cominciato a palpeggiarla e, alla sua reazione, hanno cominciato a strapparle i vestiti e a colpirla con calci e pugni spingendola a terra.

L'INTERVENTO DELLA POLIZIA - All'arrivo del fidanzato della giovane, i due stranieri si sono allontanati strappandole anche un braccialetto in oro che aveva al polso destro. Pochi minuti dopo è arrivato l'equipaggio di una volante e gli agenti sono stati avvicinati da alcuni amici dei due giovani che hanno indicato il luogo dove si era diretto uno dei due aggressori. I poliziotti lo hanno inseguito e bloccato, ma improvvisamente sono stati accerchiati da un gruppo di quindici persone che li hanno aggrediti spingendoli a terra e consentendo all'uomo di fuggire. Gli agenti hanno immediatamente chiesto ausilio ad altri equipaggi e prima che il gruppo degli aggressori si disperdesse, sono riusciti a bloccare tre persone. Accompagnati in commissariato Viminale in tre sono stati arrestati per favoreggiamento resistenza violenza e lesioni a pubblico ufficiale, mentre proseguono le indagini degli investigatori per individuare i due aggressori e i partecipanti al gruppo intervenuti in loro difesa.

«GRAVE EPISODIO» - «A nome dell'Amministrazione comunale voglio esprimere la piena solidarietà alla ragazza e agli agenti di polizia aggrediti la scorsa notte a via Marsala. Si è trattato di un episodio grave che deve far riflettere». Lo afferma il delegato alla Sicurezza, Giorgio Ciardi.
Redazione online
02 maggio 2010

Fonte:corriere.it

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget